Medicina
 

Stress e aure epilettiche sensoriali? Durante il sonno....

anonimo 29 Mar 2017 10:50
Salve amici.
Sono uno studente lavoratore ultraquarantenne e, talvolta, questa doppia
attività, insieme ad ulteriori impegni, mi costringe a sottopormi a
intenso stress e a carenza di sonno.
Da qualche mese, durante il sonno, mi capita di provare sensazioni strane:
- durante gli episodi meno intensi, vedo solo dei rapidissimi flash
lampeggianti
- durante gli episodi più intensi, i flash si trasformano in strane forme
colorate e a volte in uno strano sole accecante, il tutto accompagnato da
strani rumori: spesso un fruscio simile alle girandole dei fuochi di
artificio, altre volte strani sibili tremolanti, altre volte voci, oppure mi
è capitato di sentire uno strano rumore di ferraglia ripetitivo
(ta-ttà...ta, ta-ttà...ta, ta-ttà...ta, ...)
- durante gli episodi estremamente intensi, si aggiunge una sensazione di
"testa in fiamme", non saprei come definirla, o si aggiungono odori (es.
odore di mandorle)
Gli episodi durano 30-40 secondi o, al massimo, un paio di minuti e,
solitamente, si concludono con il risveglio spontaneo; altre volte, riesco a
svegliarmi da solo, dando un colpo di gambe (specialmente quando provo
quell'orribile sensazione di "testa in fiamme"); per fortuna, appena mi
sveglio, la crisi cessa istantaneamente.
Sebbene stia dormendo, durante gli episodi, io divento semicosciente e quasi
lucido (mi è capitato di esclamare in mente "Oh, no, di nuovo!" oppure
"Quanto fa 3 X 8? 24, OK allora il cervello non è compromesso!")
Tutto questo sta capitando almeno una volta ogni 15 giorni ma nei periodi di
stress (es, in vicinanza di esami universitari) accade tutte le notti.
Gli episodi si verificano frequentemente nei primi minuti di sonno oppure
vengono innescati da sogni in cui provo una sensazione di velocità, o da
sogni in cui ci sono lampi ripetuti (es. combattimenti con mitragliatori).
Tutto ciò non era mai accaduto prima dei 42 anni (al massimo, ho avuto
qualche allucinazione ipnagogica, ma so che sono molto comuni.)
Infine, aggiungo, che qualche goccina tranquillante sembra ridurre la
frequenza di tali episodi e che, a volte, gli episodi sono accompagnati da
extrasistoli che mi fanno svegliare.

Ho tentato due volte di eseguire un EEG dopo essere rimasto sveglio per più
di 24 ore ma, a causa dell'emozione, non sono riuscito ad addormentarmi. Ad
ogni modo, l'EEG da sveglio è normalissimo; per l'EEG durante il sonno, non
sono riuscito a saperlo.

Vorrei chiedervi:
- Questi episodi potrebbero essere aure sensoriali di tipo epilettico,
associati ad una lieve forma di epilessia da stress (come ha ipotizzato
qualcuno, non neurologo)?
- Qualora fosse così, ci posso convivere senza preoccuparmene troppo, oppure
potrei rischiare in futuro delle crisi generalizzate?
- Il fatto che l'EEG da sveglio sia normale, esclude l'ultima eventualità?
- Consigli in generale?
Lo so, il primo è quello di andare da un neurologo.

Vi ringrazio in anticipo .
Saluti.
--
Anonimo
ilChierico 6 Apr 2017 19:04
On 29/03/2017 10:50, anonimo wrote:

> Sono uno studente lavoratore ultraquarantenne e, talvolta, questa doppia
> attività, insieme ad ulteriori impegni, mi costringe a sottopormi a
> intenso stress e a carenza di sonno.

Stai prendendo troppo sotto gamba la privazione del sonno.

Smetti di elucubrare ipotesi in attesa di una visita medica eseguita
magari da qualsiasi ciarlatano che pero' sappia quello che fa, e fermati :-)

Fermati.

Subito.

Fermati, e inizierai a sentirti piu' riposato.

La tua priorita' e' che devi scegliere, evidentemente non ce la fai,
porta pazienza che la tua salute conta di piu' di un esame universitario
o del lavoro che svolgi.

Altrimenti segui il famoso principio "continua a correre intorno a casa
tua finche' non cadi per terra morto", di sonno, per fortuna.

> Ho tentato due volte di eseguire un EEG dopo essere rimasto sveglio per più
> di 24 ore ma, a causa dell'emozione, non sono riuscito ad addormentarmi. Ad
> ogni modo, l'EEG da sveglio è normalissimo; per l'EEG durante il sonno, non
> sono riuscito a saperlo.

Non c'era a Milano la Clinica del Sonno? Tanto per dirne una.

Se hai eseguito un EEG il neurologo l'hai gia' visto, cosa ti ha detto?
Magari non era abbastanza sveglio per essere di aiuto, sai quanti salti
mortali fanno gli ospedalieri, a proposito di privazione del sonno? ;-)

> Lo so, il primo è quello di andare da un neurologo.

Non farmi raccontare l'ennesimo episo***** di malasanita' quindi non devi
andare da un neurologo, ma da un neurologo bravo, e soprattutto del
quale ti fidi.

La fiducia e' tutto, a volte, per guarire aiuta piu' un buon consiglio
che cento farmaci, anche se mi sembra strano che nessuno ti abbia
consigliato almeno di prenderti una settimana o due di vacanza dallo
stu*****, e di prendertela con piu' calma sul lavoro.

Avrai la pressione a mille e le ghiandole surrenali andate, se andavi in
cerca di buoni consigli, eccone un altro.

Trovati un bravo internista piu' che un urologo, uno che ti ispiri
calma, pace e beatitudine.

Vedrai che comunque iniziando con una bella vacanza, intesa proprio come
privazione dalla TV, telefoni, posta elettronica, lavoro, stu*****, invece
del sonno, ti potrai rimettere, magari senza altri interventi piu' o
meno drastici.

Di solito nei casi come il tuo si consigliavano le vacanze al lago, ma
se vuoi un consiglio per staccare tutto vattene, che so, in crociera nei
mari del Nord, se ci riesci.

E goditela.

Potrei suggerirti la lettura di uno o piu' libri che ti spiegano come il
tuo problema sia stato affrontato da altre persone, che non erano medici
ne' specialisti di fama, quando si e' presentato loro.

Ma smetto, casomai te lo scrivo in privato, se lo credi opportuno, non
vorrei mai che arrivasse il solito becero "so-tutto-io" a rovinarmi
questo post.
anonimo 8 Apr 2017 18:46
"ilChierico" ha scritto nel messaggio
news:oc5ser$2fe6$1@newsreader1.mclink.it...

> Stai prendendo troppo sotto gamba la privazione del sonno.
> .....
> Fermati, e inizierai a sentirti piu' riposato.

Ciao.
Grazie per i preziosi consigli.

> La tua priorita' e' che devi scegliere, evidentemente non ce la fai, porta
> pazienza che la tua salute conta di piu' di un esame universitario o del
> lavoro che svolgi.

Sì, è proprio così.

> Se hai eseguito un EEG il neurologo l'hai gia' visto, cosa ti ha detto?

In realtà, visti gli strani lampi di luce, la mia prima tappa è stata
l'oculista il quale, dopo un'approfondita visita e considerando che i lampi,
le forme colorate e i punti molto luminosi, come dei soli abbaglianti
riflessi sull'acqua, sono accompagnati da rumori, ha parlato di epilessia da
stress ed ha consigliato un EEG dopo privazione di sonno.
Sono andato in un grosso centro diagnostico, dove ho parlato solo con un
tecnico; per ora, la mia interazione con il relativo neurologo consiste
nella sola compilazione, da parte sua, del referto che parla di EEG normale,
da sveglio (poiché, come avevo già scritto, non c'è stato verso di
addormentarmi).
Entro pochi giorni, però, vedrò un neurologo.

> Avrai la pressione a mille e le ghiandole surrenali andate, se andavi in
> cerca di buoni consigli, eccone un altro.

Temo di sì.
Grazie ancora.
Seguirò anche il consiglio della vacanza.
--
Anonimo.

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Medicina | Tutti i gruppi | it.scienza.medicina | Notizie e discussioni medicina | Medicina Mobile | Servizio di consultazione news.