Medicina
 

Dieta per gastrite

Jamie 24 Ott 2016 19:01
Ciao, mi(vi) chiedevo se le indicazioni riportate qui:
http://www.educazionenutrizionale.granapadano.it/it/alimentazione-per-patologie/schede-sull-alimentazione-per-patologie/schede-sull-alimentazione-per-patologie
******* gastrite

sono da considerarsi attendibili.
Sono un po' perplessa per quel vino "consentito con moderazione" (a me
il vino fa venire un immediato bruciore, fortuna che non ne vado pazza),
ma anche per quegli alimenti "consigliati" quali mozzarella, grana
padano, che io sappia sono formaggi molto grassi, e alcuni affettati,
che in genere sono sempre sconsigliati.
Mi perplime anche il veto sulla frutta secca: è vero che è ricca di
grassi ma sono grassi 'buoni' che io sappia.
Infine una domanda: la cottura al forno, utilizzando minime quantità di
olio, va bene oppure è comunque da evitare?
Grazie.
Gastroman 25 Ott 2016 21:09
Jamie 19:01, lunedì 24 ottobre 2016:

> Ciao, mi(vi) chiedevo se le indicazioni riportate qui:
>
http://www.educazionenutrizionale.granapadano.it/it/alimentazione-per-patologie/
schede-sull-alimentazione-per-patologie/schede-sull-alimentazione-per-patologie
*******
gastrite
>
> sono da considerarsi attendibili.


Ma che sito è?
Consorzio produttori formaggio?


> Sono un po' perplessa per quel vino "consentito con
> moderazione" (a me il vino fa venire un immediato bruciore,
> fortuna che non ne vado pazza), ma anche per quegli alimenti
> "consigliati" quali mozzarella, grana padano, che io sappia
> sono formaggi molto grassi, e alcuni affettati, che in genere
> sono sempre sconsigliati.


Eh i produttori di formaggio ti dicono che il formaggio fa
bene... vedi tu...


> Mi perplime anche il veto sulla
> frutta secca: è vero che è ricca di grassi ma sono grassi
> 'buoni' che io sappia. Infine una domanda: la cottura al
> forno, utilizzando minime quantità di olio, va bene oppure è
> comunque da evitare? Grazie.


Se noti effetti negativi, èvita.

(io non sono medico né dietologo)
Ragnarok 25 Ott 2016 22:23
Il 24/10/2016 19:01, Jamie ha scritto:
> Ciao, mi(vi) chiedevo se le indicazioni riportate qui:
>
http://www.educazionenutrizionale.granapadano.it/it/alimentazione-per-patologie/schede-sull-alimentazione-per-patologie/schede-sull-alimentazione-per-patologie
******* gastrite
>
>
> sono da considerarsi attendibili.

Un articolo tratto dal sito granapadano.it mi ricorda quei ricettari che
ragalvano con le sottilette che consigliavano di fre la parmigianda con
le sottilette di quella marca specifica....


> Sono un po' perplessa per quel vino "consentito con moderazione" (a me
> il vino fa venire un immediato bruciore, fortuna che non ne vado pazza),

Pure io, a me da fasti***** pure l'acqua frizzante :-)


> ma anche per quegli alimenti "consigliati" quali mozzarella, grana
> padano, che io sappia sono formaggi molto grassi, e alcuni affettati,
> che in genere sono sempre sconsigliati.

Vuoi che non consiglino il grana padano?
I formaggi sono tutti grassi ad eccezioni di quelli light, tuttavia non
ho mai avuto problemi a mangiare un mozzarella di 2 etti mentre mi dà
fasti***** mangiare un affettto grasso o un arrosto cotto con troppo olio.
Non so spiegarti il perché, però se hai problemi di gastrite dovresti
chiedere una dieta ad un dietologo o, se proprio vuoi far da te,
introdurre un cibo nuovo alla volta e vedere se ti fa male o no.


> Mi perplime anche il veto sulla frutta secca: è vero che è ricca di
> grassi ma sono grassi 'buoni' che io sappia.

La frutta secca ne devi mangiare poca: 3/4 noci al giorno al massimo. Se
ne mangi la quantità giusta non dovrebbe far male.


> Infine una domanda: la cottura al forno, utilizzando minime quantità di
> olio, va bene oppure è comunque da evitare?

Io faccio l'arrosto sempre senza olio utilizzando la pelle dell'animale
come grasso di cottura e non ho problemi di digestione, al massimo uso
la carta da forno per il polpettone che viene buonissimo anche senza olio.
Ti dirò di più. Da quando ho ridotto drasticamente l'olio sto molto
meglio e trovo i piatti più saporiti. Ho rivisitato molti piatti in
stile sano, dminuendo i grassi e aumentando le verdure: il gusto rimane,
senza appesantirti. Riesco a fare pure la ribollita e la cassoeula
"dietetiche" :-)
tony pedi 27 Ott 2016 01:32
Il 24/10/2016 18:01, Jamie ha scritto:
> Ciao, mi(vi) chiedevo se le indicazioni riportate qui:
> http://www.educazionenutrizionale.granapadano.it/it/alimentazione-per-
patologie/schede-sull-alimentazione-per-patologie/schede-
sull-alimentazione-per-patologie ******* gastrite
>
>
> sono da considerarsi attendibili.
> Sono un po' perplessa per quel vino "consentito con moderazione" (a me
> il vino fa venire un immediato bruciore, fortuna che non ne vado pazza),

visto che non ne sei consumatrice abituale avverti di più la cosa, pure
io , che "un dito" [ mignolo e non pollicione ;-) ahah] di vino lo bevo
ad ogni pasto, e avevrto , a volte, l'azione della parte alcolica che
forse genera un legegro 'friccicorìo'

> ma anche per quegli alimenti "consigliati" quali mozzarella, grana
> padano, che io sappia sono formaggi molto grassi, e alcuni affettati,
> che in genere sono sempre sconsigliati.

addirittura ho constatao con mia meraviglia che la cioccolata in
barattolo, (che non compravo da anni) ha lo stesso contenuto in grassi
del formaggio [vabbè ci sono ANCHE gli zuccheri in questo caso ;-)

ed anche TRA i vari formaggi ho constatato con sorpresa che il montasio
, che 'vedendolo' più stagionato 'pensavo' avesse meno grassi della
fontina, ... invece quando mi capitò di leggere l'etichetta ... hanno
gli stessi grassi per 100 grammi di prodotto, anche se a onor del vero
non ho 'controlalto' il "peso specifico" ... se cioè ?una_razione' di
uno corrisponde +o- alla stessa razione dell'altro

> Mi perplime anche il veto sulla frutta secca: è vero che è ricca di
> grassi ma sono grassi 'buoni' che io sappia.
> Infine una domanda: la cottura al forno, utilizzando minime quantità di
> olio, va bene oppure è comunque da evitare?

non è l'olio in sè, ma il fatto che in quel tegame , molto
probabilmente, ci sono "milelmila ingredienti CHE PER ESSERE DIGERTI
NECESSITANO DI tempo ... e che quindi , aumentando il TEMPO di
permanenza nell'intestino ... rallentando tutto ... fanno rimanere anche
lo stomaco pieno per più tempo ... inducendo una maggiore secrezione di
acidi


> Grazie.

esistono millemila siti , che si danno un aria "maestosa", ergendosi per
"chissachi" ...

leggiti una 20ina di siti ... e solo dopo, facendo gli opportuni
raffronti, ti cominci a rendere conto di quellic he sono molto "sopra le
righe" e quindi li scarti completamente, poi una volta sfoltiti a 2-3
che ti danno l'impressione che siano un minimo seri, li *****izzi un
pochino meglio

QUALSIASI dieta deve SEMPRE essere 'gradita'

proprio oggi mi è apitato di vedere "la vita in diretta" ( non lo guardo
mai), parlavano di diete e lo psicologo presente ha detto che qualsiasi
cosa si faccia , deve essere qualcosa che NON TI STRESSI ... se per
"SEGUIRE UNA DIETA" SARAI PIù STRESSATA ... GIà LA RENDI INEFFICACE A
PRIORI ...

vabbè, lì parlavano di diete dimagranti, però il concetto è lo stesso

la gastrite c'è anche quella volgarmente definita "nervosa" ( ad es. mio
fratello disoccupato, ha lavorato per 4 ,esi estivi ... tutto bene, ora
che ha smesso di lavoarre di nuovo gastrite a gogò :-( ...)

e se per curare la gastrite ... stai STRESSATA per le eccessive rinunce
... starai ancora peggio ... naturalmente ... SI SA che per curare la
gastrite dovresti mangiare IN BIANCO ... di lì non si scappa ... quindi
QUALSIASI COSA tu mangi di PARTICOLARMENTE ELABORATO significa che stai
mettendo a repentaglio al tua salute ... una volta appurato ciò ... "LO
SAI " COSA DEVI FARE ... NON CHIEDERE NEMMENO "POSSO MAGIARE FRITTURA
UNA VOLTA LA SETTIMANA" ... no ... fa male ... quell'unica volta a
settimana rende inutile tutti gli sforzi che faresti negli altri 6
giorni ;-) :-( .... caffè ... emglio evitare (mio fratello gran bevitore
di caffè quando non ha particolari problemi, ma adesso sta evitando)

vedi qualche sito che pur indicando varie rinunce ... ti da anche
consigli su come rendere pacevoli pietanze meno elaborate ...

sono alquanto 'rigido' sul mangiare in bianco e POCO ELABORATO perchè
mia madre anziana, con laparocele ( forse definibile "ernia addominale"
per capicri) ed anche "colecistictomizzata"(ormai da 40 anni) pure ebbe
problemi molto acuti che necessitavano maalox a gogò in quanto un
medicinale pure molto diffuso ("penta'qualcosa' ... non ricordo) , per
mia mader era "acqua fresca", solo dopo anni abbiamo provato il "lucen"
che invece ha effetto positivo su mia madre

stavo cominciando ad usare molte spezie dopo che in questi primi anni
che cucino io, non ne avevo mai usato, ma ho constatato che anche le
spezie possono dare qualche problemino se non usate con
raziocinio,influiscono negativamente sulla gastrite

con mia madre ... anche sempliemente cibi precotti ( cordon blue,
cotolette, e tutti i surgelati di carne/pesce già impanati ... essendo
infarciti di TANTI ALTRI elementi ... davano sempre problemi ... SOLO
carne e pesce preparati MOLTO MOLTO SEMPLICI ... e risolsi ... in mesi
di tali comportamenti salubri

non dovrebbero esistere "LE DIETE"

MA SOLO "educazione alimentare" da seguire *SEMPRE*

ciao :-)
Jamie 27 Ott 2016 11:30
On 25/10/2016 22:23, Ragnarok wrote:

> Un articolo tratto dal sito granapadano.it mi ricorda quei ricettari che
> ragalvano con le sottilette che consigliavano di fre la parmigianda con
> le sottilette di quella marca specifica....
>

Eh sì, però ho letto, in fondo all'articolo, che sono informazioni
fornite da un medico e un dietista, perciò le ho prese un po' più in
considerazione, diciamo.
>
>> Sono un po' perplessa per quel vino "consentito con moderazione" (a me
>> il vino fa venire un immediato bruciore, fortuna che non ne vado pazza),
>
> Pure io, a me da fasti***** pure l'acqua frizzante :-)

ah sì io pure solo acqua liscia.
mi costa più fatica rinunciare alla birra...


> Vuoi che non consiglino il grana padano?
> I formaggi sono tutti grassi ad eccezioni di quelli light, tuttavia non
> ho mai avuto problemi a mangiare un mozzarella di 2 etti mentre mi dà
> fasti***** mangiare un affettto grasso o un arrosto cotto con troppo olio.
> Non so spiegarti il perché, però se hai problemi di gastrite dovresti
> chiedere una dieta ad un dietologo o, se proprio vuoi far da te,
> introdurre un cibo nuovo alla volta e vedere se ti fa male o no.
>

Sai il problema è che non sempre certi cibi mi danno un fasti*****
immediato. La gastrite cronica è un po' così, decide lei quando andare
all'attacco. Tipo l'altra sera ho mangiato del prosciutto crudo di parma
24 mesi ben sgrassato, però era salatissimo. La mattina dopo ho avuto
più bruciore.

> Io faccio l'arrosto sempre senza olio utilizzando la pelle dell'animale
> come grasso di cottura e non ho problemi di digestione, al massimo uso
> la carta da forno per il polpettone che viene buonissimo anche senza olio.
> Ti dirò di più. Da quando ho ridotto drasticamente l'olio sto molto
> meglio e trovo i piatti più saporiti. Ho rivisitato molti piatti in
> stile sano, dminuendo i grassi e aumentando le verdure: il gusto rimane,
> senza appesantirti. Riesco a fare pure la ribollita e la cassoeula
> "dietetiche" :-)

Anche io ho cambiato molto la mia alimentazione cercando di usare quasi
sempre olio a crudo e facendo cotture leggere, devo dirti che dopo il
primo momento di sconforto adesso mi piace tutto di più. Tipo ieri ho
fatto delle patate al forno mettendoci solo un filino d'olio, e mi sono
piaciute più di quelle classiche unte e bisunte che normalmente si mangiano.
Mi aiutano molto anche le tisane a base di malva e liquirizia,
ovviamente mai bevute troppo *******
Deduco da quanto dici che soffri anche tu di gastrite, sei in cura con
qualcosa?
Ragnarok 27 Ott 2016 13:02
Il 27/10/2016 01:32, tony pedi ha scritto:

> proprio oggi mi è apitato di vedere "la vita in diretta" ( non lo guardo
> mai), parlavano di diete e lo psicologo presente ha detto che qualsiasi
> cosa si faccia , deve essere qualcosa che NON TI STRESSI ... se per
> "SEGUIRE UNA DIETA" SARAI PIù STRESSATA ... GIà LA RENDI INEFFICACE A
> PRIORI ...
>
> vabbè, lì parlavano di diete dimagranti, però il concetto è lo stesso

La dieta dimagrante è un concetto ontologicamente errato.
La dieta dimagrante non può funzionare perché dare all'organismo meno
cibo di quello che gli serve per viviere è innaturale e si ribella.
Per dimagrire devi fare una calorimetria, fare una dieta in base al
fabbisogno che emerge dall'esame, e il peso si perde con l'attività
fisica aerobica.
Il resto è fuffa.


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Ragnarok 27 Ott 2016 15:41
Il 27/10/2016 11:30, Jamie ha scritto:
> Sai il problema è che non sempre certi cibi mi danno un fasti*****
> immediato. La gastrite cronica è un po' così, decide lei quando andare
> all'attacco. Tipo l'altra sera ho mangiato del prosciutto crudo di parma
> 24 mesi ben sgrassato, però era salatissimo. La mattina dopo ho avuto
> più bruciore.

Prova col toscano, almeno godi più che col parma :-)


> Deduco da quanto dici che soffri anche tu di gastrite, sei in cura con
> qualcosa?

Io soffro della cucina della mamma che, quando decide di cucinare
qualcosa di buono, è convinta che si debba innaffiare di olio :-)

Ho/avevo il diabete ma con l'attività fisica e mangiando regolarmente
(anche degli spuntini, non solo i 3 pasti che dovrebbero fare i
diabetici) le glicemie e la glicata sono regolari. Già un medico mi ha
detto che dal diabete 2 si guarisce con la dieta e con l'attività
fisica, al prossimo controllo vediamo cosa fare con la già blanda
terapia che non so che senso possa avere con una glicata a 4.4%.
Quindi cerco di seguire la dieta mediterranea senza però dover mangiare
sempre cibi tristi.

Per fortuna niente gastrite: seguendo un'alimentazione regolare non ho
problemi di stomaco (che però avevo con l'acqua frizzante bevuta tutti i
giorni). Per fortuna riesco ad andare una / due volte al mese al giro
pizza a farmi 10/12 fette di pizza salata oltre ad altre 5/6 fette di
pizza dolce :-) (va beh, poi corro tutti i giorni un'ora...)

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Jamie 27 Ott 2016 16:19
On 27/10/2016 01:32, tony pedi wrote:

> visto che non ne sei consumatrice abituale avverti di più la cosa, pure
> io , che "un dito" [ mignolo e non pollicione ;-) ahah] di vino lo bevo
> ad ogni pasto, e avevrto , a volte, l'azione della parte alcolica che
> forse genera un legegro 'friccicorìo'

Infatti io gli alcolici li ho sempre bevuti in occasioni particolari
(feste, uscite con gli amici, etc) mai abitualmente. Ma il vino, ho
notato, mi dà proprio fasti*****. Poco male, ho sempre preferito la birra,
e adesso...nemmeno quella più posso bere :(

> ed anche TRA i vari formaggi ho constatato con sorpresa che il montasio
> , che 'vedendolo' più stagionato 'pensavo' avesse meno grassi della
> fontina, ... invece quando mi capitò di leggere l'etichetta ... hanno
> gli stessi grassi per 100 grammi di prodotto, anche se a onor del vero
> non ho 'controlalto' il "peso specifico" ... se cioè ?una_razione' di
> uno corrisponde +o- alla stessa razione dell'altro

no no in genere per i formaggi vale questa considerazione: più sono
stagionati e più sono grassi (però, in compenso hanno meno lattosio)

>> Infine una domanda: la cottura al forno, utilizzando minime quantità di
>> olio, va bene oppure è comunque da evitare?
>
> non è l'olio in sè, ma il fatto che in quel tegame , molto
> probabilmente, ci sono "milelmila ingredienti CHE PER ESSERE DIGERTI
> NECESSITANO DI tempo ... e che quindi , aumentando il TEMPO di
> permanenza nell'intestino ... rallentando tutto ... fanno rimanere anche
> lo stomaco pieno per più tempo ... inducendo una maggiore secrezione di
> acidi

mi riferivo più che altro al fatto che l'olio viene portato ad alte
temperature anche in forno, dopotutto, generando la famosa reazione di
maillard...e penso che quella sia nociva per una mucosa già infiammata.

> QUALSIASI dieta deve SEMPRE essere 'gradita'

immagino che sia vero
>
> proprio oggi mi è apitato di vedere "la vita in diretta" ( non lo guardo
> mai), parlavano di diete e lo psicologo presente ha detto che qualsiasi
> cosa si faccia , deve essere qualcosa che NON TI STRESSI ... se per
> "SEGUIRE UNA DIETA" SARAI PIù STRESSATA ... GIà LA RENDI INEFFICACE A
> PRIORI ...
>
> vabbè, lì parlavano di diete dimagranti, però il concetto è lo stesso
>
> la gastrite c'è anche quella volgarmente definita "nervosa" ( ad es. mio
> fratello disoccupato, ha lavorato per 4 ,esi estivi ... tutto bene, ora
> che ha smesso di lavoarre di nuovo gastrite a gogò :-( ...)

beh io credo di essere un soggetto predisposto, in quanto tutto sommato
la mia alimentazione non era così male, non ho mai fumato, mai bevuto
alcolici abitualmente se non come detto sopra, non bevo caffè... ecco
magari esageravo un po' con i dolci, la cioccolata e cotture non proprio
salutari come forno, fritture etc., ma 'esageravo' nel senso che mi
capitava almeno quelle 2-3 volte la settimana, ecco, non tanto i fritti,
ma magari gli alimenti pre-fritti e poi scaldati in forno.
In ogni caso, sto affrontando la mia 'dieta' con ormai molta serenità,
nel senso che mi sono abituata -vado avanti così da quasi 2 mesi- e
adesso prediligo una certa 'sobrietà' alimentare. Certo, mi capitano
quei momenti in cui mi sale un desiderio disperato di una barretta di
cioccolato o un piatto di patatine fritte...specialmente in relazione a
stimoli esterni...vedo un'immagine, un qualcosa che mi richiama alla
mente quelle cose goduriose....ma ho imparato a resistere, e non è più
così difficile come prima.

> e se per curare la gastrite ... stai STRESSATA per le eccessive rinunce
> ... starai ancora peggio ... naturalmente ... SI SA che per curare la
> gastrite dovresti mangiare IN BIANCO ... di lì non si scappa ... quindi
> QUALSIASI COSA tu mangi di PARTICOLARMENTE ELABORATO significa che stai
> mettendo a repentaglio al tua salute ... una volta appurato ciò ... "LO
> SAI " COSA DEVI FARE ... NON CHIEDERE NEMMENO "POSSO MAGIARE FRITTURA
> UNA VOLTA LA SETTIMANA" ... no ... fa male ... quell'unica volta a
> settimana rende inutile tutti gli sforzi che faresti negli altri 6
> giorni ;-) :-(

è quello che mi ha detto anche il medico, non devi sgarrare perché è
come non aver fatto nulla poi :( mentre io, finora, ero andata avanti
con la convinzione che ogni tanto lo sgarretto ci poteva stare.

> vedi qualche sito che pur indicando varie rinunce ... ti da anche
> consigli su come rendere pacevoli pietanze meno elaborate ...
>
> sono alquanto 'rigido' sul mangiare in bianco e POCO ELABORATO perchè
> mia madre anziana, con laparocele ( forse definibile "ernia addominale"
> per capicri) ed anche "colecistictomizzata"(ormai da 40 anni) pure ebbe
> problemi molto acuti che necessitavano maalox a gogò in quanto un
> medicinale pure molto diffuso ("penta'qualcosa' ... non ricordo) , per
> mia mader era "acqua fresca", solo dopo anni abbiamo provato il "lucen"
> che invece ha effetto positivo su mia madre

no io non voglio prendere gli IPP, a meno che non sia strettamente
necessario. se posso controllare la cosa con la dieta, preferisco.


ciao!
Ragnarok 27 Ott 2016 23:02
Il 27/10/2016 16:19, Jamie ha scritto:

> no no in genere per i formaggi vale questa considerazione: più sono
> stagionati e più sono grassi (però, in compenso hanno meno lattosio)

Attenta che il lattosio è una moda. Se non sei intollerante al lattosio,
questo non ti fa male.


ma 'esageravo' nel senso che mi
> capitava almeno quelle 2-3 volte la settimana, ecco, non tanto i fritti,
> ma magari gli alimenti pre-fritti e poi scaldati in forno.

I prefritti sono una cosa estremamente subdola.
Una cotoletta da 100 grammi prefritta sono 55/60 grammi di pollo e 40/45
grammi di farine varie e oli vari.
Attenzione.


> In ogni caso, sto affrontando la mia 'dieta' con ormai molta serenità,
> nel senso che mi sono abituata -vado avanti così da quasi 2 mesi- e
> adesso prediligo una certa 'sobrietà' alimentare. Certo, mi capitano
> quei momenti in cui mi sale un desiderio disperato di una barretta di
> cioccolato o un piatto di patatine fritte...specialmente in relazione a
> stimoli esterni...vedo un'immagine, un qualcosa che mi richiama alla
> mente quelle cose goduriose....ma ho imparato a resistere, e non è più
> così difficile come prima.

Su 14 pasti principali alla settimana 13 sono regolari e uno è senza
regole. Nonstante ciò dimagrisco, gli esami del sangue migliorano, non
ho problemi di stomaco.
Parla col tuo dietista e valuta con lui ogni quanto puoi mangiare quello
che ti pare.



> è quello che mi ha detto anche il medico, non devi sgarrare perché è
> come non aver fatto nulla poi :( mentre io, finora, ero andata avanti
> con la convinzione che ogni tanto lo sgarretto ci poteva stare.

A me han detto l'esatto contrario, e non solo una persona.

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
tony pedi 28 Ott 2016 18:12
Il 27/10/2016 15:19, Jamie ha scritto:
> On 27/10/2016 01:32, tony pedi wrote:
>


2-3 volte la settimana, ecco, non tanto i fritti,
> ma magari gli alimenti pre-fritti e poi scaldati in forno.

come anche ragnarok ti ha fatto notare ... e pure io ti dico che notai
su mia madre, questi aimenti sono tutto fuorchè salubri, buoni sì , ma
appena sgarravo e cucinavo tali alimenti a mia madre, vedevo che aveva
di nuovo dolori addominali di stomaco quando magari era stata bene per
varie settimane

anche i wurstel mia madre ne mangia poschissimi, li evita, se
SALTUARIAMENTE ( 1-2 volte al mese... anche meno, li tengo congelati
giusto per emergenza) li preparo lei ne mangia uno e stop, giusto per
non rimanere a digiuno, ma non incontrano il suo gusto, ma soprattutto è
come se il suo organismo riconoscesse che gli fanno male, difatti anche
per i wurstel la stessa cosa, quando ancora non si era ristabilita come
adesso, settimane intere senza problemi, facevo wutsyel e tdaaaà di
nuovo dolori di stomaco, gastrite e reflusso che di nuovo si facevano
sentire

Certo, mi capitano
> quei momenti in cui mi sale un desiderio disperato di una barretta di
> cioccolato o un piatto di patatine fritte...specialmente in relazione a
> stimoli esterni...vedo un'immagine, un qualcosa che mi richiama alla
> mente quelle cose goduriose....ma ho imparato a resistere, e non è più
> così difficile come prima.
>

io nella mia vita non ho mai fatto (rarissimamente 1 volta ogni tot
anni) 'bis' del primo piatto ... e manco del secondo ; quanto più una
cosa mi piace ... più mi 'trattengo' dal cnsumarne "a volontà" ...

>
> no io non voglio prendere gli IPP, a meno che non sia strettamente
> necessario. se posso controllare la cosa con la dieta, preferisco.
>

no no, per una persona 'normale' , una dieta opportuna è già sufficiente

>
> ciao!

non so se incida sulal gastrite, ma ho notato che mia mader usava
parecchio sale ... vabbè non parecchio ma non lesinava

io ho prso l'abitudine di usarne pochissimo, forse addirittura troppo poco

gli aliemnti assumono un sapore NUOVO ... ma non è ironico ... il sale
COPRE i veri sapori, li altera talmente tanto che in realtà non stai
GUSTANDO ... che so melanzane, MA " melanzane + sale " ... sembra che
noi in itaslia ne consumiamo molto ... ed è vero, naturalmente mi sono
anche accorto che TROPPO poco pure è male ! il sale ha anche una certa
azione 'disinfettante' .. alterare troppo la flora batterica intestinale
usando NIENTE SALE potrebbe portare più problemi che benefici ... però
generalmente si usa torppo sale che si può evitare
Jamie 28 Ott 2016 18:53
On 27/10/2016 23:02, Ragnarok wrote:

> Attenta che il lattosio è una moda. Se non sei intollerante al lattosio,
> questo non ti fa male.

No infatti, non ho mai avuto problemi coi latticini, anche se cerco di
non esagerare.

> I prefritti sono una cosa estremamente subdola.
> Una cotoletta da 100 grammi prefritta sono 55/60 grammi di pollo e 40/45
> grammi di farine varie e oli vari.
> Attenzione.
>
Ma infatti guarda non li compro proprio più anche per questo motivo.
Ma ci sono alcune cose che mi facevano proprio ******* e che da fare in
casa sono un bel ******* tipo gli anelli di cipolla o le olive
ascolane... comunque ormai sono ricordi del passato :((


> Su 14 pasti principali alla settimana 13 sono regolari e uno è senza
> regole. Nonstante ciò dimagrisco, gli esami del sangue migliorano, non
> ho problemi di stomaco.

Beh ci credo, corri un'ora al giorno! Io purtroppo da questo punto di
vista faccio un po' pena...sono sempre stata molto pigra :-/

> A me han detto l'esatto contrario, e non solo una persona.


Ciò mi rincuora...
Ragnarok 29 Ott 2016 00:39
Il 28/10/2016 18:53, Jamie ha scritto:
> No infatti, non ho mai avuto problemi coi latticini, anche se cerco di
> non esagerare.

Non esagerare coi latticini è diverso dal prendere prodotti senza
lattosio. Se un prodotto non ha lattosio (a meno che non lo abbia
naturalmente come le mozzarelle di bufala) vuol dire che ha altro, e
magari quell'altro, fa peggio.


> Ma ci sono alcune cose che mi facevano proprio ******* e che da fare in
> casa sono un bel ******* tipo gli anelli di cipolla o le olive
> ascolane...

Vuoi mettere gli onion rings fatti in casa con le cipolle fresche e
croccanti (che hanno pure un sacco di proprietà salutari) con quelli
surgelati fatti con una poltiglia indefinita dal vago sapore di cipolla
dove l'unica cosa croccante è la pastella?
Prova a farli a casa e vedi la differenza...
Le cose fatte in casa, oltre ad essere più sane, sono sempre anche le
più buone. Il contrario lo dice la pubblicità.


> Beh ci credo, corri un'ora al giorno! Io purtroppo da questo punto di
> vista faccio un po' pena...sono sempre stata molto pigra :-/

Ti alzi un'ora prima e corri almeno mezz'ora. Anzi, all'inizio cammini,
poi corsa leggera, poi corri. Con un car*****frequenzimetro per verificare
che l'allenamento sia aerobico. Pure io ero pigro, poi diventa una
abitudine che quando piove forte ti girano (se piove piano esci lo
stesso e ti compri scarpe da trail running da 150 euro per allenarti
sempre).


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Ragnarok 29 Ott 2016 00:48
Il 28/10/2016 18:12, tony pedi ha scritto:

> come anche ragnarok ti ha fatto notare ... e pure io ti dico che notai
> su mia madre, questi aimenti sono tutto fuorchè salubri, buoni sì , ma
> appena sgarravo e cucinavo tali alimenti a mia madre, vedevo che aveva
> di nuovo dolori addominali di stomaco quando magari era stata bene per
> varie settimane

Sul buoni dissento :-)
Se inizi a prendere la carne dal macellaio (e non al supermercato), in
tagli saporiti (quelli non teneri), poi capirai cos'è il buono :-)


> anche i wurstel mia madre ne mangia poschissimi, li evita, se
> SALTUARIAMENTE ( 1-2 volte al mese... anche meno, li tengo congelati
> giusto per emergenza)

Per l'emergenza non puoi tenere delle fettine di carne aperte che, come
le butti in padella, si scongelano subito? Oppure legumi in scatola che
non credo siano controindicati per la gastrite e coi quali ci fai dei
bei piatti unici (pasta, fagioli e cavolo nero, pasta, ceci e cipolle,
crostini di cicerchie con pomodori, ecc,)...


> io ho prso l'abitudine di usarne pochissimo, forse addirittura troppo poco

Il sale non è mai troppo poco. Pure io ne uso pochissimo.


ed è vero, naturalmente mi sono
> anche accorto che TROPPO poco pure è male ! il sale ha anche una certa
> azione 'disinfettante' ..

Questo è la prima volta che lo sento dire.
Se qualcuno volesse approfondire...



---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Jamie 2 Nov 2016 21:01
On 29/10/2016 00:39, Ragnarok wrote:

>> Ma ci sono alcune cose che mi facevano proprio ******* e che da fare in
>> casa sono un bel ******* tipo gli anelli di cipolla o le olive
>> ascolane...
>
> Vuoi mettere gli onion rings fatti in casa con le cipolle fresche e
> croccanti (che hanno pure un sacco di proprietà salutari) con quelli
> surgelati fatti con una poltiglia indefinita dal vago sapore di cipolla
> dove l'unica cosa croccante è la pastella?
> Prova a farli a casa e vedi la differenza...

Veramente ci ho provato, ed il risultato è stato discreto ma non
paragonabile a quelle comprate, che sono molto più croccanti. Comunque
ormai sono solo un lontano ricordo!

> Le cose fatte in casa, oltre ad essere più sane, sono sempre anche le
> più buone. Il contrario lo dice la pubblicità.

Su questo non c'è dubbio, infatti il mio consumo di cibi pre-pronti si è
drasticamente ridotto nel corso degli anni. Purtroppo, da giovine ero
una gran consumatrice di sofficini bastoncini & co... e probabilmente la
sto pagando ora! :-/

>
>> Beh ci credo, corri un'ora al giorno! Io purtroppo da questo punto di
>> vista faccio un po' pena...sono sempre stata molto pigra :-/
>
> Ti alzi un'ora prima e corri almeno mezz'ora. Anzi, all'inizio cammini,
> poi corsa leggera, poi corri. Con un car*****frequenzimetro per verificare
> che l'allenamento sia aerobico. Pure io ero pigro, poi diventa una
> abitudine che quando piove forte ti girano (se piove piano esci lo
> stesso e ti compri scarpe da trail running da 150 euro per allenarti
> sempre).

E' una cosa che ho sentito da molte persone, pare che ad un certo punto
si diventi quasi dipendenti dall'allenamento. Io purtroppo non so
nemmeno se sono idonea alla corsa perché ho un problema all'anca non
ancora ben definito, inoltre dovrei perdere almeno altri 10 kg per poter
cominciare a correre senza avere problemi.
Due anni fa ci avevo provato, nonostante il sovrappeso ho fatto qualche
settimana di preparazione alla corsa secondo lo schema suggerito da
albanesi... effettivamente dopo un mesetto mi sentivo un'altra persona.
Purtroppo, il sopraggiungere del problema all'anca ed una serie di altre
circostanze mi hanno scoraggiata. Adesso, sto cercando di camminare,
nonostante i fastidi.
Ragnarok 3 Nov 2016 00:34
Il 02/11/2016 21:01, Jamie ha scritto:

> Veramente ci ho provato, ed il risultato è stato discreto ma non
> paragonabile a quelle comprate, che sono molto più croccanti. Comunque
> ormai sono solo un lontano ricordo!

Lascia perdere il croccante, non è solo li il gusto. Al massimo compra
una farina specifica per fritti, tanto il fritto lo fai una volta al mese...



> Su questo non c'è dubbio, infatti il mio consumo di cibi pre-pronti si è
> drasticamente ridotto nel corso degli anni. Purtroppo, da giovine ero
> una gran consumatrice di sofficini bastoncini & co... e probabilmente la
> sto pagando ora! :-/

Pure io usavo i cibi pronti per praticità e velocità. Poi mi son reso
conto che preparare i cibi non è poi così più lento dei cibi precotti...
Si aspettano al massimo 5 minuti in più se ci si sa organizzare.


> E' una cosa che ho sentito da molte persone, pare che ad un certo punto
> si diventi quasi dipendenti dall'allenamento. Io purtroppo non so
> nemmeno se sono idonea alla corsa perché ho un problema all'anca non
> ancora ben definito, inoltre dovrei perdere almeno altri 10 kg per poter
> cominciare a correre senza avere problemi.

Ho iniziato a correre quando pesavo 165 kg. Ovviamente seguendo le
indicazioni del fisioterapista (scarpe ammortizzate e terreno sterrato).


> Due anni fa ci avevo provato, nonostante il sovrappeso ho fatto qualche
> settimana di preparazione alla corsa secondo lo schema suggerito da
> albanesi... effettivamente dopo un mesetto mi sentivo un'altra persona.

Una settimana per la preparazione alla corsa è poca, prenditi anche un
mese o due, soprattutto se vivi in pianura (se vivi in montagna e hai le
salite non ti serve nemmeno correre).


> Purtroppo, il sopraggiungere del problema all'anca ed una serie di altre
> circostanze mi hanno scoraggiata. Adesso, sto cercando di camminare,
> nonostante i fastidi.

Chiedi aiuto a un fisioterapista. Magari per i tuoi problemi la corsa (e
la camminata) non sono la cosa migliore, tuttavia ci sono un sacco di
sport che puoi fare. Ho degli amici amputati che fanno di tutto,
figurati se non puoi farlo tu che hai tutti gli arti...


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
tony pedi 3 Nov 2016 23:57
Il 28/10/2016 23:48, Ragnarok ha scritto:
> Il 28/10/2016 18:12, tony pedi ha scritto:
>
>> come anche ragnarok ti ha fatto notare ... e pure io ti dico che notai
>> su mia madre, questi aimenti sono tutto fuorchè salubri, buoni sì , ma
>> appena sgarravo e cucinavo tali alimenti a mia madre, vedevo che aveva
>> di nuovo dolori addominali di stomaco quando magari era stata bene per
>> varie settimane
>
> Sul buoni dissento :-)
> Se inizi a prendere la carne dal macellaio (e non al supermercato), in
> tagli saporiti (quelli non teneri), poi capirai cos'è il buono :-)
>

ho provato a fare le b*****i fettine impanate, uovo e fritte

ma quando le faceva mia mader anni fa erano emglio :-( e non me le sono
fatet più, anche perchè mi scoccio di cucinare due pietanze per me e
separate per lei, e quindi mangio anche io , nel 95 % dei casi, le
stessissime cose sue

non (sapendo) fare fritture decenti ... qualsiasi cosa pronta si
acquisti ... è "buona" ;-) :-( ahahahah si ride per non piangere

>
>> anche i wurstel mia madre ne mangia poschissimi, li evita, se
>> SALTUARIAMENTE ( 1-2 volte al mese... anche meno, li tengo congelati
>> giusto per emergenza)
>
> Per l'emergenza non puoi tenere delle fettine di carne aperte che, come
> le butti in padella, si scongelano subito?

emergenza nel senso se dimentico di andare a comprare la carne , ci vado
solo il venerdì che ha l'offerta settim*****e

Oppure legumi in scatola che
> non credo siano controindicati per la gastrite e coi quali ci fai dei
> bei piatti unici (pasta, fagioli e cavolo nero, pasta, ceci e cipolle,
> crostini di cicerchie con pomodori, ecc,)...

sto cominciando a usarli di più

>
> ed è vero, naturalmente mi sono
>> anche accorto che TROPPO poco pure è male ! il sale ha anche una certa
>> azione 'disinfettante' ..
>
> Questo è la prima volta che lo sento dire.
> Se qualcuno volesse approfondire...
>

pure io, in contrasto con i miei fratelli, sto continuando qui a casa
con mia madre, a tenere la stessa abitudine sua di cucinare , in
particolare i secondi, ma a volte anche la pasta, solo a giorni
alterni, mi scoccia stare vicino la cucina TUTTI i giorni a preparare e
quindi il tegame rimane in frigo per 1 giorno, il secondo giorno, se non
metto sale, mi pare acquisti un sapore strano, ne rancido , ne altro, ma
"non mi convince" soprattutto se sono stato troppo 'generoso' di parte
'acquosa' ... non so perchè ho sempre 'paura' che si bruci tutto e
faccio venire le pietanze sempre troppo generose di acqua nel tegame e
se ho usato poco sale il secondo giorno già non mi convince

infatti uso poco sale proprio perchè sono consapevole che usando molta
acqua ... automaticamente risultano più sciape solo perchè c'è l'acqua
... ma per non farle venire 'sciape' dovrei mettere 'troppo' sale ...

e solo da un anno o poco più e ritengo già sufficiente di riuscire a
"mettere qualcosa nel piatto", adesso devo iniziare a fare "il grande
passo" e cominciare a cucinare "bene" ... nei limiti delle mia capacità
... ;-) :-(
Ragnarok 4 Nov 2016 23:26
Il 03/11/2016 23:57, tony pedi ha scritto:

> ho provato a fare le b*****i fettine impanate, uovo e fritte

Non devi friggere :-) e quella volta al mese che lo fai, fallo in un
giorno in cui hai tempo, con calma, cercati su internet una bella
ricetta e fai una frittura buona. Prova a cercare la ricetta della tempura.


> pure io, in contrasto con i miei fratelli, sto continuando qui a casa
> con mia madre, a tenere la stessa abitudine sua di cucinare , in
> particolare i secondi, ma a volte anche la pasta, solo a giorni
> alterni, mi scoccia stare vicino la cucina TUTTI i giorni a preparare e
> quindi il tegame rimane in frigo per 1 giorno, il secondo giorno, se non
> metto sale, mi pare acquisti un sapore strano,

Non è che il sale copre il sapore strano del secondo giorno? Insomma, il
sale non disinfetta nulla, copre solo il sapore.


> e solo da un anno o poco più e ritengo già sufficiente di riuscire a
> "mettere qualcosa nel piatto", adesso devo iniziare a fare "il grande
> passo" e cominciare a cucinare "bene" ... nei limiti delle mia capacità
> ... ;-) :-(

Comincia dalle cose semplici, poi aggiusti i sapori con gli aromi, con
le verdure, poi mischi gli ingredienti, poi diventi chef :-)
L'importante è avere sempre bene a mente quello che stai facendo coi
nutrizionali principali e non fare le cose a caso.


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Jamie 7 Nov 2016 11:20
On 03/11/2016 00:34, Ragnarok wrote:

> Lascia perdere il croccante, non è solo li il gusto. Al massimo compra
> una farina specifica per fritti, tanto il fritto lo fai una volta al
> mese...

Ah non è lì il gusto ma per me le consistenze sono importanti tanto
quanto i sapori.
Ci sono alimenti che non mangio in certe forme perché ne o***** la
consistenza (es. finocchi e carote crudi mi piacciono, lessi li aborro).

> Pure io usavo i cibi pronti per praticità e velocità. Poi mi son reso
> conto che preparare i cibi non è poi così più lento dei cibi precotti...
> Si aspettano al massimo 5 minuti in più se ci si sa organizzare.

Però, ti assicuro, ci sono delle cose che pre-fritte hanno il loro
perché. Per esempio le patatine. Io non le compro mai, ma quando vado
nei locali e le mangio la differenza in croccantezza (e asciutto) con
quelle fatte in casa è notevole, a favore delle prime. Mi sa che stiamo
un po' divagando ahah

> Ho iniziato a correre quando pesavo 165 kg. Ovviamente seguendo le
> indicazioni del fisioterapista (scarpe ammortizzate e terreno sterrato).

:-O Complimenti! E adesso quanto pesi, se posso chiedere?
Io sul sito di albanesi, che sembra uno che di corsa ne sa, ho letto che
chi è in sovrappeso dovrebbe cominciare con le camminate piuttosto che
la corsa.

> Una settimana per la preparazione alla corsa è poca, prenditi anche un
> mese o due, soprattutto se vivi in pianura (se vivi in montagna e hai le
> salite non ti serve nemmeno correre).

No beh quella volta resistei più di una settimana, direi almeno un mese.
Questo era il programma che stavo seguendo:
http://www.albanesi.it/corsa/cominciare.htm
(fascia gialla, quella per superpigroni)
E tuttavia avevo notato che non c'era stato un buon incremento di fiato.
Andavo bene finché restavo al livello 1.

> Chiedi aiuto a un fisioterapista. Magari per i tuoi problemi la corsa (e
> la camminata) non sono la cosa migliore, tuttavia ci sono un sacco di
> sport che puoi fare. Ho degli amici amputati che fanno di tutto,
> figurati se non puoi farlo tu che hai tutti gli arti...

Sono stata da una fisioterapista, con la lastra che avevo fatto lo
scorso anno*, che per la verità mi è sembrata un po' una burba. La
visita è durata 3 minuti, e mi ha detto solo devi perdere peso (senza
specificare quanto, ma ad occhio dovrei perdere almeno 10 kg) e fare
ginnastica (senza specificare quale). In più, ho idea tanto per segnarmi
qualcosa, mi ha prescritto 5 sedute di tecarterapia.

*nella lastra è evidenziato solo un 'minimo segno di sclerosi dei tetti
acetabolari'. Lei l'ha vista e ha detto che è solo un minimo segno di
inizio di artrosi. Secondo lei il mio problema non è riferito all'anca
ma al tendine. Io però non sapevo che pure i tendini potessero
schioccare...sì perché la mia anca fa rumore :-O
Ragnarok 17 Nov 2016 22:15
Il 07/11/2016 11:20, Jamie ha scritto:
>> Ho iniziato a correre quando pesavo 165 kg. Ovviamente seguendo le
>> indicazioni del fisioterapista (scarpe ammortizzate e terreno sterrato).
> :-O Complimenti! E adesso quanto pesi, se posso chiedere?

Ho abbandonato i 150 kg la scorsa settimana, sto perdendo una media di 1
kg e mezzo la settimana e sto rispettando l'obiettivo della perdita del
10% del peso ogni 3 mesi.


> Io sul sito di albanesi, che sembra uno che di corsa ne sa, ho letto che
> chi è in sovrappeso dovrebbe cominciare con le camminate piuttosto che
> la corsa.

Così ho fatto. Ho iniziato a correre perché lo sforzo che facevo
camminando era diventato insufficiente ed abitando in pianura non potevo
far altro che correre.


>> Una settimana per la preparazione alla corsa è poca, prenditi anche un
>> mese o due, soprattutto se vivi in pianura (se vivi in montagna e hai le
>> salite non ti serve nemmeno correre).
> No beh quella volta resistei più di una settimana, direi almeno un mese.

Intendevo un'altra cosa.
Prima di iniziare a correre devi camminare, ma devi farlo per più di una
settimana, magari aggiungendo anche altri esercizi di riscaldamento per
le gambe.


> E tuttavia avevo notato che non c'era stato un buon incremento di fiato.
> Andavo bene finché restavo al livello 1.

Io ho fatto così: ho attaccato il car*****frequenzimetro e ho camminato
fino a quando camminando rimanevo nella fascia di allenamento aerobico
(max 220-età * .85, min 220-età * .65). Quando con la camminata scendevo
sotto la frequenza cardiaca minima ho iniziato a correre, corsa leggera
(anche adesso faccio corsa leggera), sempre imanendo all'interno della
zona di allenamento aerobico.
Quindi non ho problemi di fiato perché regolo l'intensità in base alla
frequenza cardiaca.


> Sono stata da una fisioterapista, con la lastra che avevo fatto lo
> scorso anno*, che per la verità mi è sembrata un po' una burba. La
> visita è durata 3 minuti, e mi ha detto solo devi perdere peso (senza
> specificare quanto, ma ad occhio dovrei perdere almeno 10 kg) e fare
> ginnastica (senza specificare quale). In più, ho idea tanto per segnarmi
> qualcosa, mi ha prescritto 5 sedute di tecarterapia.

Non so quanti anni hai ma a me il fisiatra disse che dopo i 30 anni un
po' di artrosi dalle lastre ce l'hanno tutti. Il fisioterapista deve
dirti quali esercizi fare, la tecar serve per sfiammare ma la tecar da
sola, senza la ginnastica, lascia il tempo che trova.


Io però non sapevo che pure i tendini potessero
> schioccare...sì perché la mia anca fa rumore :-O

Se i tendini non li usi continueranno a far rumore. Bastano pochi minuti
di esercizi a giorni alterni ma te li deve prescrivere un fisioterapista.

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Medicina | Tutti i gruppi | it.scienza.medicina | Notizie e discussioni medicina | Medicina Mobile | Servizio di consultazione news.